La responsabilità del costruttore venditore secondo il Tribunale di Milano.

La responsabilità per rovina di immobile opera nei confronti del venditore anche se si sia avvalso di altre professionalità nella costruzione dell’opera.

Il Tribunale di Milano con la pubblicazione di una serie di sentenze emesse in rapida successione si uniforma al principio giurisprudenziale secondo il quale l’art. 1669 c.c. è applicabile, non solo, nei casi in cui il venditore dell’immobile abbia con propria gestione di uomini e mezzi, costruito l’edifico, ma anche, quando, pur essendosi avvalso di specifiche figure professionali quali l’appaltatore, il progettista e il direttore dei lavori, abbia mantenuto il potere di impartire direttive o di sorvegliare lo svolgimento delle lavorazioni, “cosicché la costruzione dell’opera sia a lui riferibile” (cfr. Cass. 12406/01; Cass. 13003/00; Cass. 6797/00);

La sezione settima civile del Tribunale di Milano si è espresso in tal senso con le seguenti sentenze

  • Tribunale Milano sez. VII, 16/04/2019, n.3818;
  • Tribunale Milano sez. VII, 01/03/2019, n.2076;
  • Tribunale Milano sez. VII, 08/02/2019, n.1306;
  • Tribunale Milano sez. VII, 24/07/2018, n.8300.

In questi casi spetterà al venditore/costruttore provare di non aver avuto alcun potere di direttiva o di controllo sull’impresa appaltatrice, così da superare la presunzione di addebitabilità dell’evento che ha causato il vizio dell’opera realizzata.

L’estensione della responsabilità nei confronti del venditore / costruttore  aumenta la tutela dei terzi acquirenti ma non riduce quella dei soggetti che hanno partecipato direttamente alla realizzazione dell’opera (appaltatore, subappaltatore, progettista direttore dei lavori ) che potranno essere comunque chiamati in giudizio per rispondere direttamente degli eventuali fatti a loro addebitabili.

Pertanto in un ottica transattiva al fine di evitare una ipotetica causa diretta ad ottenere il risarcimento del danno per i vizi dell’opera può risultare utile per l’appaltatore e per i professionisti intervenuti a diverso titolo nella realizzazione dell’opera, valutate le effettive circostanze, coinvolgere sin da subito la committente nella trattativa stragiudiziale.

 

 

Share Button